Cerca
  • Zarish Neno

Svegliati Donna...

Aggiornato il: gen 20

Voglio tornare indietro nel tempo e riprendere l'argomento di Michelle Williams. Il suo discorso mi ha disturbato molto. Da donna e cattolica sono ancora molto scioccata dalle sue parole perché mi sento arrabbiata ogni volta che una donna come Michelle chiama l'aborto "un diritto della donna". Inizio a pensare: ma le donne come Michelle sanno addirittura qual è il diritto di una donna?


Nella stessa settimana in cui Michelle Williams ha tenuto questo "meraviglioso" discorso, mi sono imbattuta in due storie di donne asiatiche che vorrei condividere con Michelle.


1) La prima storia è della mia amica pakistana il cui nome non posso menzionare per motivi di privacy.


Stavo parlando con mia madre al telefono quando lei passa il cellulare alla mia amica che era lì con sua figlia. Aggiungo qui che questa mia amica si era già fatta strada fino al calvario con una croce pesante. Fu falsamente accusata di aver strappato le pagine del Corano dalle sue compagne musulmane all'istituto dove stava studiando per fare l'infermiera. La preside dell'istituto sapeva che era innocente, ma a causa delle pressioni della comunità musulmana fu costretta a vietare alla mia amica di studiare infermieristica nella sua vita. Questo le ha rovinato il sogno di diventare infermiera e un giorno in questo trauma ha avuto un incidente. Cadde dal secondo piano e si ruppe entrambi i piedi. Ci sono voluti molti interventi chirurgici per poter finalmente camminare bene ma ovviamente non è lo stesso.


Quando le ho parlato, ho sentito molto dolore e disperazione nella sua voce. Ha condiviso con me che la sua vita è stata rovinata dopo il matrimonio. Che suo marito non era una brava persona. L'avrebbe picchiata e maltrattata. Non stava mantenendo ne lei o la loro figlia.

Ha inoltre aggiunto che a volte la sua disperazione le fa venire voglia di morire. Dopo tutto quello che ha passato, non ce la fa più. Ma quando guarda sua figlia, l'idea di morire scompare. Voleva condividere di più, ma poi si è fermata. Ha detto: "parleremo quando verrai in Pakistan".


**Nota: Dalla mia conoscenza di come pensano i nostri uomini pakistani, il padre non se ne frega niente di sua figlia perché è una femmina. Le cose sarebbero state leggermente diverse se il bambino fosse un maschio.**


2) Bollywood ha recentemente pubblicato un film chiamato 'Chhapaak', basato su una storia vera di Laxmi Agarwal - una sopravvissuta all'ustione di acido. Consiglierei davvero a tutti di vederlo, se potete.


Laxmi Agarwal aveva solo 15 anni quando un uomo le lancia acido sul viso nel 2005. Laxmi stava uscendo dalla sua classe di musica quando un uomo che aveva il doppio della sua età le ha lanciato acido per aver respinto la sua proposta. L'incidente ha lasciato sfigurati il suo viso e altre parti del corpo. Sebbene abbia ricevuto cure in tempo, nell'arco di 10 anni, ha subito molti interventi chirurgici, che hanno quasi influenzato la sua salute mentale. Ma con il suo coraggio e determinazione, Laxmi affrontò le sfide della sua vita e riuscì a rimettersi in piedi.


L'ustione acida è ancora un crimine molto orribile che ancora oggi accade in India e Pakistan.


Dal 2016 al 2017 ci sono stati 71 casi di ustione con acido in Pakistan e dal 2018 al 2019 ci sono stati 62 casi ma 11 di questi usando il fuoco.


Una ragazza cristiana pakistana di nome Asma Yaqoob è stata vittima di queste ustioni ed è morta, pur avendo tanto lottato per sopravvivere.


In entrambe in queste storie dolorose, ciascuno può indovinare quanti diritti delle donne vengono violati? e quanti diritti umani vengono violati?


Ora mi domando: quando è che le donne capiranno davvero quali sono i loro diritti? L'aborto non è un nostro diritto. È omicidio e ammettiamolo.


Quindi, il mio appello a ogni donna è: per favore, pensa prima di parlare dei tuoi diritti e se puoi, leggi o informati sulla situazione delle donne in tutto il mondo. Ci sono così tante donne che stanno ancora lottando per ottenere i loro diritti fondamentali. Invece di cercare di promuovere l'aborto chiamandolo tuo diritto come donna, fai qualcosa per quelle donne che non sanno nemmeno quale sia il loro diritto.


Sii ambasciatore della vita e non della morte!

#MichelleWilliams #GoldenGlobes #Womenrights #Abortion #Prolife #Dirittidelladonna #Diritti #Aborto