Cerca
  • Zarish Neno

Chiesa di un tempo..

Aggiornato il: 13 nov 2018


È domenica. Sono arrivata alla Chiesa 35 minuti in anticipo. Pensavo fosse una buona cosa. Volevo passare un po' di tempo davanti al tabernacolo per ottenere la forza, poiché tutte queste costanti battaglie di fede che continuo a lottare per rimanere salda nella mia fede a volte affogano tutta la mia energia.


E sto qui davanti al tabernacolo, con la testa china, le mani unite e inizio a pregare. Quando finisco a pregare, mi alzo ed io mi siedo sulla panca, e la mia mente comincia a vagare.


Comincio a pensare ai vecchi tempi in cui la fede veniva trasmessa ai primi cristiani dagli Apostoli. Comincio a pensare a come le prime comunità cristiane hanno vissuto la loro fede dato che nei tempi antichi non esisteva la tecnologia e non avevano ne anche i testi su cui contare.


Leggiamo nel libro degli Atti degli Apostoli, che i primi cristiani sono incontrati nelle loro case e si sono dedicati alla Parola di Dio. Di conseguenza, questi primi cristiani hanno portato alla trasformazione più straordinaria e potente che il mondo abbia mai conosciuto.


Pensaci per un minuto, i cristiani emersero nel mezzo di un tremendo miscuglio Romano di idee sociali e religiose, e attraverso mezzi puramente pacifici cambiò completamente l'Impero e lo unì sotto la bandiera del Cristianesimo. Ma molto prima che il cristianesimo trovasse una casa confortevole negli edifici delle chiese, era solo un corpo attivo di credenti appassionati. Hanno diffuso il cristianesimo nel mondo e l'hanno fatto senza una ENORME Chiesa, un programma televisivo o un sito web. Hanno semplicemente aperto le loro case, hanno detto la Verità senza paura e hanno creduto che con Dio tutto sarebbe stato possibile.

Nel mezzo di terribili persecuzioni e difficoltà, questi primi credenti sono stati in grado di rimanere concentrati su Dio invece che sulla propria situazione. Di conseguenza, indipendentemente dalle loro circostanze personali, erano in grado di vivere con gioia.


Ho quindi iniziato a riflettere sull'attuale situazione della Chiesa. Abbiamo tutta la tecnologia del mondo, migliaia e migliaia di testi, tutte le risorse che possiamo immaginare ma non la stessa forte fede che era una volta. E mi chiedo perché?


Perché ora che abbiamo più le cose materiali e la libertà, la nostra fede non è la stessa di quella della Chiesa primitiva?

Anche se guardiamo alle nostre vite quotidiane, vediamo che più ne abbiamo, sembra che siamo meno felici. Penso spesso, a cosa serve progresso e la tecnologia, quando il mondo sembra andare sempre più nell'oscurità?


C'è così tanta divisione nella Chiesa UNIVERSALE di una volta. La Chiesa universale che una volta non importa quale parte del mondo tu vada, ha creduto negli stessi insegnamenti della Chiesa, la stessa dottrina e lo stesso dogma.


E poi una voce nel mio cuore mi parla e dice: Abbiamo bisgno di ritornare alle nostre radici!


AH! ECCO! Bisogna ritornare alle nostre radici!!!


Per così tanto tempo ci siamo chiesti di "Uscire!! Di andare fuori!!". Ma credo che sia ora di RITORNARE. Ritornare alle nostre radici!!!


È ora che torniamo indietro e guardiamo alla vita dei primi cristiani, in particolare i nostri martiri che morirono difendendo la loro fede cattolica. I cristiani per i quali adorare Dio era una cosa quotidiana e non solo una volta alla settimana o durante i giorni di festa. Perché per loro la liturgia era una parte naturale della loro esistenza quotidiana. Tutta la loro vita era un atto di culto, tanto che la loro adorazione e il loro lavoro erano una cosa sola.

C'è molto che la chiesa d'oggi può imparare dai primi cristiani. La loro fedele testimonianza ispira oggi la chiesa per affrontare i pregiudizi, spiegare chiaramente la fede, modellare la virtù cristiana e parlare con una voce profetica nella cultura. Cristiani che guardavano al di là del loro umile posto nella cultura e accettavano la sfida di difendere la fede dai margini.


Finisco qui citando le parole di Leonard Ravenhill che dice: "La Chiesa primitiva era sposata con la povertà, i prigioni e le persecuzioni. Oggi la Chiesa è sposata con la prosperità, la personalità e la popolarità ".


Sta a noi decidere quale Chiesa vogliamo essere !!


#EarlyChurch #ChiesaCattolica #Fede #Radici

1 commento